Comune di Polcenigo

Articolazione degli uffici

Servizio Sociale Territoriale

Informazioni
Tipologia
Ufficio
Denominazione
Servizio Sociale Territoriale
Competenze

SERVIZI SOCIALI
RECAPITI TELEFONICI: SERVIZI TERRITORIALI COMUNE DI  POLCENIGO: Tel. 0434/74001 (int. 1 - 3)Fax 0434/745171
RECAPITI TELEFONICI  AMBITO DISTRETTUALE 6.1 Unità Operativa Territoriale Sacile - Polcenigo Viale Zancanaro 12 - Sacile Tel. 0434/787266

I servizi Sociali del Comune di Polcenigo fanno parte dell' Ambito di Sacile che costituisce l'articolazione territoriale del Servizio Sociale dei Comuni ai fini della gestione associata delle funzioni e dei servizi attribuiti dalla normativa regionale di settore (L.R. 06/2006).

I comuni che hanno aderito all' Ambito Territoriale 6.1 di Sacile nel documento di Convenzione approvato dai relativi Consigli Comunali sono: Aviano, Brugnera, Budoia, Caneva, Fontanafredda, Polcenigo e Sacile.

SERVIZI EROGATI:

segretariato sociale
E' un servizio  di informazione e orientamento rivolto a tutti i cittadini su servizi e interventi esistenti nonché sulle possibilità e modalità di utilizzo degli stessi e fornisce:
•Informazioni sulle risorse esistenti nel piano sociale (in tema di lavoro, casa, salute, assistenza, istruzione) e sulle modalità per accedervi;
•Aiuto riguardo le procedure per ottenere prestazioni o accedere ai servizi;
•Predispone la documentazione necessaria per ottenere interventi o servizi.

assistenza domiciliare

 

Il servizio di assistenza domiciliare è costituito da un complesso di attività ed interventi erogati a domicilio a favore di cittadini le cui risorse di autonomia siano, anche temporaneamente, compromesse per situazioni personali o ambientali.
Si rivolge a tutte le situazioni di difficoltà ed ha come obiettivi:
•Consentire al cittadino di rimanere al proprio domicilio, nel proprio nucleo familiare e sociale;
•Ridurre o allontanare nel tempo la necessità di ricovero in strutture;
•Promuovere o conservare le capacità di autonomia della persona;
•Sostenere, quando vi siano, i familiari che assistono il proprio congiunto a domicilio.

Le attività svolte a domicilio riguardano:
•Aiuto per favorire l'autosufficienza nell'attività giornaliera (igiene, pulizia personale, vestizione); aiuto per il governo dell'alloggio e attività domestiche; accompagnamento visite mediche, commissioni;
•Aiuti volti alla tutela igienico-sanitario;
•Aiuti per favorire la vita di relazione, accompagnamento centro diurno o strutture sociali e culturali del territorio.

L'intervento di assistenza domiciliare può essere svolto in collaborazione con i servizi sanitari del territorio.
Il cittadino interessato al servizio potrà rivolgersi all'Ufficio, personalmente o delegando un'altra persona, e fare la richiesta compilando l'apposito modulo.

Il servizio è erogato con quote di compartecipazione da parte dell'utente sulla base del reddito.

 

assistenza economica


Il servizio di assistenza economica ha come obiettivo favorire il superamento delle condizioni di bisogno economico ed evitare che situazioni personali o familiari peggiorino.

Si tratta di rispondere ai bisogni primari: alimentazione, vestiario, salute, igiene della persona e della casa, affitto e riscaldamento.

Se la situazione di difficoltà economica è dovuta a ritardi con cui vengono corrisposte somme spettanti di diritto (per esempio, pensioni) si può prevedere l'erogazione di contributi sotto forma di prestiti.

I sussidi possono essere: continuativi, ad integrazione del reddito fino a quando permane lo stato di precarietà e di difficoltà; straordinari, in relazione a situazioni occasionali di emergenza.

Chi è interessato può rivolgersi all'ufficio, personalmente o attraverso una persona a ciò delegata, e compilare l'apposito modello.

La quantificazione del contributo viene determinata sulla base di una analisi sociale del richiedente, nell'osservanza dei parametri economici stabiliti da apposito Regolamento dei Servizi e del minimo vitale elaborato e fatto proprio.

La valutazione delle richieste è effettuata dall'assistente sociale del servizio.

interventi a favore di minori
L'obiettivo del servizio è quello di promuovere il benessere del bambino all'interno del proprio contesto di vita familiare e sociale.
Il tipo di intervento può essere diretto su situazioni di disagio manifesto o preventivo: il primo, operando in stretta collaborazione con altri servizi presenti nel territorio comunale e con la diretta collaborazione delle famiglie, attua interventi di sostegno alle stesse nelle varie forme ritenute più opportune, il secondo è volto a favorire sul territorio lo sviluppo di iniziative che offrano ai ragazzi momenti di incontro e di attività in comune, sia durante l'anno scolastico sia durante il periodo estivo.

Si può richiedere il servizio compilando l'apposito modello che si trova presso il Servizio sociale.

Gli interventi possibili sono:
•Contributi per sostegno educativo (casa, scuola)
•Contributi economici (buoni mensa, trasporti)
•Affido eterofamiliare;
•Rette istituto/comunità
•Sviluppo progetto di aiuto

interventi a favore dei disabili


Gli interventi, regolati dalla L.R.41/96, attuati dal Servizio Sociale Comunale in collaborazione con i servizi specialistici del territorio, sono orientati in modo da fornire sostegno alle persone portatrici di handicap e ai loro nuclei familiari, in modo da consentire la realizzazione delle personali potenzialità e l'integrazione del disabile nel proprio ambiente sociale.
Operando nella direzione di una integrazione tra servizi sanitari e sociali, il Servizio Comunale svolge il proprio compito nell'ottica di un sempre maggiore inserimento dei portatori di handicap nel tessuto della propria comunità.

Gli interventi possibili sono:
•Sostegno socio assistenziale scolastico/extra scolastico;
•Assegno di cura per famiglie con disabili non autosufficienti;
•Trasporto per servizi specialistici,
•Rette istituto.

 


Per utilizzare il servizio si dovrà presentare la richiesta, utilizzando il modulo messo a disposizione dal servizio sociale.

In caso di reali difficoltà è possibile chiedere il servizio anche telefonicamente.

interventi area adulta


Gli interventi possibili sono:
•Interventi economici vari (aiuto all'autonomia);
•Assegno di cura per famiglie con adulti psichici non autosufficienti;
•Contributi alle maternità
•Rette per comunità (psichici e tossici);
•Interventi per emigrazione

interventi area anziani


Gli interventi erogati sono:
•Interventi economici vari (aiuto all'autonomia, ticket...);
•Assegni di cure per famiglie con anziani non autosufficienti;
•Domande di ingresso e integrazione rette casa di riposo;
•Centro Diurno;
•Pasti a domicilio;
•Telessoccorso domiciliare

 


Domande di ingresso e integrazione rette casa di riposo


Il Servizio Sociale del Comune effettua le proprie valutazioni di carattere sociale su ogni domanda di ammissione  con l'obiettivo, da un lato, di evidenziare eventuali situazioni di emergenza o rischio sociale e, dall'altro, di concorrere alla formulazione di un piano individuale d'ingresso.
Gli anziani che non sono in grado di pagare integralmente la retta della Casa di riposo possono rivolgersi al medesimo ufficio per chiederne l'integrazione economica. Il Comune si assume, totalmente o parzialmente, la spesa nei casi di persone sole, prive di fonti di reddito, di persone senza familiari obbligati per legge agli alimenti, di persone i cui  familiari dimostrino, previa esibizione delle dichiarazioni reddituali sul loro stato economico-patrimoniale, di non poter contribuire alle spese di ricovero.


Centro diurno


E' un servizio rivolto prevalentemente alla popolazione anziana autosufficiente o parzialmente autosufficiente e con margini di autonomia psico-fisica e sociale ridotti.
l'obiettivo principale del centro è quello di favorire la permanenza a casa dell'anziano, procrastinando il più a lungo possibile l'ingresso in Casa di Riposo.
E' aperto dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 16.00 ed è in grado di garantire assistenza sanitaria e sociale adeguata alle necessità delle persone, attività di tipo ricreativo integrando e/o supportando il lavoro delle famiglie mediante interventi flessibili, imperniati il più possibile nelle potenzialità residue della persona e dell'ambiente che lo circonda.
I principali servizi erogati sono:
servizio sociale, servizio di assistenza diretta, servizio di ristoro, pranzo, servizio di animazione.

Il servizio è a pagamento.Nelle situazioni di opportunità o di necessità all'intervento e difficoltà economica si applica il costo agevolato sulla base di documentazione economica.
Chi intende richiedere il servizio può rivolgersi agli uffici del servizio sociale del Comune.

Pasti a domicilio

A supporto del servizio di assistenza domiciliare è previsto quello di fornitura dei pasti a domicilio.
Il servizio è rivolto ad anziani ed inabili non autonomi che ne facciano richiesta, a persone sole, in condizioni di disagio e consiste nel fornire a domicilio, giornalmente, un pasto caldo. 
Il cittadino interessato al servizio potrà rivolgersi all'Ufficio, personalmente o delegando un'altra persona, e fare la richiesta compilando l'apposito modulo.

Il servizio è a pagamento. Nelle situazioni di opportunità o di necessità all'intervento e difficoltà economica si applica il costo agevolato sulla base di documentazione economica.


Telesoccorso domiciliare


Il telessoccorso è un servizio che permette attraverso il collegamento dell'apparecchio telefonico ad una centrale operativa di far fronte a situazioni di emergenza. Il servizio, attivato con la L.R.26/96, è rivolto a persone ultra sessantenni residenti nel comune di Polcenigo (in casi particolari anche di età inferiore) e favorisce la permanenza nell'ambiente di appartenenza delle persone a rischio sanitario o sociale. E' realizzato con un sistema di assistenza telematica a domicilio, capace di garantire la pronta disponibilità alle segnalazioni e un costante contatto con l'assistito.
Per utilizzare questo servizio, ci si potrà rivolgere al servizio sociale del Comune o, più appropriatamente, al Servizio Sanitario Distrettuale di Sacile . Poiché il servizio è erogato dal Distretto sanitario di Sacile, la funzione del Servizio Sociale Comunale si traduce nel dare informazioni di base e nella consegna della modulistica necessaria per accedere al beneficio.

La necessaria apparecchiatura viene installato su incarico della Regione Friuli Venezia-Giulia.Il servizio prevede una contribuzione degli utenti in base al reddito familiare.


COMPETENZE RESIDUE DIRETTAMENTE GESTITE DAL COMUNE SPORTELLO POLITICHE SOCIALI :
RECAPITI TELEFONICI Tel. 0434/74001 Fax 0434/748977 Email:protocollo@com-polcenigo.regione.fvg.it
ORARIO APERTURA SPORTELLO DEDICATO: MERCOLEDI' 10.30-13.00         presso 1 piano Sede Comunale

Servizi in delega all'ASS n. 6
Servizi alla famiglia (carta famiglia, bonus energia elettrica regionale, contributi per abbattimento spese per locazioni onerose, barriere architettoniche, ANF Assegni al Nucleo Famigliare; Assegno di Maternità e interventi una tantum regionali)
Sostegno all'occupazione (Lavori di Pubblica Utilità, Lavoro Occasionale Accessorio, Lavori Socialmente Utili, Cantieri di Lavoro, Voucher)
Assegno statale per famiglie con almeno tre figli minori ANF

Assegno per il nucleo familiare con tre figli minori: cos'è, chi ne ha diritto, come ottenerlo: tutte le informazioni nel sito dell'Inps.
La domanda va presentata annualmente al Comune di residenza entro il 31 gennaio dell'anno successivo a quello per il quale chiedi l'assegno.
Gli assegni vengono erogati per i mesi dell’anno in cui sono stati effettivamente presenti nel nucleo almeno tre minori (se per esempio il terzo figlio minore diventa maggiorenne nel mese di luglio, gli assegni ti spettano fino al mese di luglio compreso).

Modalità di presentazione dell'istanza

Prima di spedire o consegnare la domanda, controlla di averla compilata completamente e correttamente e di aver allegato tutti i documenti necessari.
Puoi presentare la domanda in una delle seguenti modalità:
tramite posta elettronica certificata: invia la documentazione richiesta in allegato a un messaggio indirizzato a comune.polcenigo@certgov.fvg.it
tramite posta elettronica: invia la documentazione richiesta in allegato (dimensione massima degli allegati 10MB) a un messaggio indirizzato a  protocollo@comune.polcenigo.it
tramite raccomandata
tramite fax al numero 0434 748977
consegnandola allo Sportello Politiche Sociali del Comune di Polcenigo Mercoledì con orario 10:30-13:00

Requisiti
Devi essere residente nel territorio del Comune di Polcenigo e ricadere in una di queste condizioni:
cittadino italiano
cittadino comunitario
cittadino extracomunitario in possesso di permesso di soggiorno per lungo soggiornante CE o permesso di soggiorno per motivi di lavoro subordinato
rifugiato politico, o avente protezione sussidiaria
cittadino algerino, marocchino, tunisino, turco in possesso di permesso di soggiorno per motivi di lavoro (e ciò in forza degli Accordi Euromediterranei).

L’indicatore ISEE del tuo nucleo familiare non deve superare i limiti previsti dalla legge (tali limiti variano a seconda del numero di persone presenti nel nucleo familiare, della presenza o meno di persone con handicap, se lavorano entrambi i genitori, etc..). Vedi la Circolare Inps n. 55 del 8 marzo 2017

Documenti da presentare

Modulo di domanda sottoscritto e compilato in ogni sua parte e i seguenti allegati: n. 1 fotocopia di un tuo documento di identità in corso di validità (se non presenti personalmente l'istanza) e, in via del tutto collaborativa e non obbligatoria, n. 1 fotocopia della attestazione ISEE.

Termini per la presentazione della domanda

La domanda va presentata annualmente al tuo Comune di residenza entro il 31 gennaio dell'anno successivo a quello per il quale chiedi l'assegno (ad esempio, per ottenere gli assegni relativi all’anno 2015, devi presentare la domanda entro il giorno 31/01/2016) e comunque prima che venga a mancare il requisito della presenza dei tre minori nel tuo nucleo anagrafico.

MODULISTICA

Home page NEWS sito Comune di Polcenigo

Termini per l'adozione del provvedimento

Alla scadenza di ogni semestre viene il Comune adotta il provvedimento raggruppante tutte le domande valide pervenute nel periodo, fatti salvi tempi più brevi, a discrezione dell'Ente.
Potere sostitutivo

A chi rivolgersi in caso di inerzia dell'amministrazione

Pigat dott.ssa Sara - Titolare PO- email: personale@com-polcenigo.regione.fvg.it

Beneficio Energia Elettrica
La Regione stabilisce le regole e mette a disposizione i fondi al fine di assicurare un supporto alle famiglie con figli, fiscalmente a carico, relativamente alle spese sostenute per la fornitura di energia elettrica.

Il riferimento è alle spese fatturate nell’anno 2016  (non deve, cioè, essere preso in considerazione il periodo di fornitura, ma solo la data della fattura), con esclusione del canone RAI (fissato per l’anno 2016 in 100,00 Euro).

I beneficiari sono le famiglie, titolari di Carta Famiglia in corso di validità (nel caso fosse scaduta vedi: Rilascio Carta Famiglia). La richiesta deve essere sottoscritta dal titolare di Carta Famiglia.
Informazioni dettagliate sono riportate nel sito della Regione FVG.

 

Modalità di presentazione dell'istanza

Prima di spedire o consegnare la domanda, controlla di averla compilata completamente e correttamente e di aver allegato tutti i documenti necessari.
Puoi presentare la domanda in una delle seguenti modalità:

tramite posta elettronica certificata: invia la documentazione richiesta in allegato a un messaggio indirizzato a comune.polcenigo@certgov.fvg.it
tramite posta elettronica: invia la documentazione richiesta in allegato (dimensione massima degli allegati 10MB) a un messaggio indirizzato a  protocollo@comune.polcenigo.it (modalità consigliata)
tramite raccomandata
tramite fax al numero 0434 748977
consegnandola allo Sportello Politiche Sociali del Comune di Polcenigo Mercoledì con orario 10:30-13:00

•Documenti da presentare
%u25E6Copia del documento di identità

Termini per la presentazione della domanda

Presentazione domande dal 13 febbraio al 21 aprile 2017.

•MODULISTICA

Home page NEWS sito comune

Termini per l'adozione del provvedimento

120 giorni dalla presentazione della domanda o comunque entro 30 giorni dal ricevimento dei fondi regionali.


Potere sostitutivo

A chi rivolgersi in caso di inerzia dell'amministrazione

Pigat dott.ssa Sara - Titolare PO- email: personale@com-polcenigo.regione.fv


Contributi a favore di mutilati, invalidi del lavoro e audiolesi (ex Anmil)

Descrizione sintetica del procedimento:

Per l'erogazione dei contributi, a favore di mutilati e di invalidi del lavoro, deve essere presentata la domanda redatta sull'apposito modulo

I contributi economici vengono erogati per le seguenti finalità:
1.contributo una tantum per spese scolastiche a favore di mutilati e invalidi del lavoro studenti.
2.contributo una tantum per spese scolastiche a favore di figli/orfani di mutilati e invalidi al lavoro.
3.assegno di incollamento a favore di mutilati ed invalidi del lavoro disoccupati con invalidità non inferiore al 34% e contributo straordinario a favore di mutilati ed invalidi del lavoro disoccupati.
4.assegno a favore di mutilati e invalidi del lavoro ex titolare di un assegno di incollocabilità e ultra65enni.
5.contributo per soggiorni climatici a favore di mutilati e invalidi e/o disoccupati con invalidità non inferiore al 34% per un periodo non superiore ai 15 giorni nel corso dell'anno.
Per gli interventi a favore di audiolesi, l'utente deve rivolgersi al Servizio Sociale territoriale per la redazione di un progetto ad hoc.

Documenti da presentare
Copia del documento di identità
(il certificato di invalidità civile viene acquisito d'ufficio)

Termini per la presentazione della domanda

Presentazione istanze entro il 1° settembre di ogni anno

Termini per l'adozione del provvedimento

Entro il 31 marzo di ogni anno l'ufficio adotta il provvedimento per la raccolta delle istanze, fatta salva l'acquisizione di tutti i documenti necessari per la fase istruttoria.
L'erogazione del contributo avviene entro 30 giorni dalla concessione ed erogazione del trasferimento regionale.

Tutela amministrativa e giurisdizionale
Ricorso al TAR: entro 60 giorni dalla conoscenza del provvedimento
Ricorso straordinario al Presidente della Repubblica: entro 120 giorni dalla conoscenza del provvedimento

Potere sostitutivo

A chi rivolgersi in caso di inerzia dell'amministrazione

Pigat dott.ssa Sara Titolare PO - email: personale@com-polcenigo.regione.fvg.it

I contributi possono essere concessi anche per l’acquisto di attrezzature oppure per la sostituzione di attrezzatura non più utilizzabili causa dell’usura o della rottura della medesima, esempio classico è quello del servo scala e della piattaforma elevatrice.

Dove presentare la domanda

Le richieste di contributo devono essere inoltrate prima dell’inizio dei lavori presso il proprio Comune, in regola con l’imposta di bollo ed entro il 31 dicembre di ogni anno. Le domande inoltrate dopo questo termine, verranno comunque prese in esame l’anno successivo.

Come presentare la domanda

La domanda è presentata dalla persona con disabilità redatta secondo il modello A e deve essere corredata, a pena di inammissibilità, dalla seguente documentazione di cui ai modelli B) e C) di seguito allegati.

Ulteriori informazioni

Disponibili nel sito della Regione Friuli Venezia Giulia

Documenti da presentare

Copia del documento di identità

Preventivo di spesa per opere / lavori nonché relazione tecnica ed altra documentazione richiesta dal regolamento regionale, a seconda dell'intervento
(il certificato di invalidità civile viene acquisito d'ufficio)

Termini per la presentazione della domanda

Presentazione domanda entro il 31 dicembre di ogni anno (prima di iniziare i lavori)
Il termine per la presentazione della documentazione utile per l'erogazione del contributo viene fissato di anno in anno.

Termini per l'adozione del provvedimento

Inserimento in graduatoria: entro il 31 marzo di ogni anno, fatta salva l'acquisizione di tutti i documenti necessari per la fase istruttoria.

Erogazione contributo:
termine fissato dall'amministrazione regionale di volta in volta, fatta salva la verifica della regolare esecuzione delle opere / lavori e del relativo pagamento degli stessi.

Tutela amministrativa e giurisdizionale

Ricorso al TAR: entro 60 giorni dalla conoscenza del provvedimento
Ricorso straordinario al Presidente della Repubblica: entro 120 giorni dalla conoscenza del provvedimento
Potere Sostitutivo
Pigat dott.ssa Sara Titolare PO email: personale@com-polcenigo.regione.fvg.it


LAVORI SOCIALMENTE UTILI CANTIERI DI LAVORO LAVORI DI PUBBLICA UTILITA'
Forme di sostegno al reddito

Modalità operative e tempistiche definite da Regolamenti Regionali scaricabili dal sito della Regione FVg

 

 

  •  

Indirizzo
Piazza Plebiscito 1 - 33070 Polcenigo (Pn) - piano 1°
Telefono
0434 74001 (int 1 - 3)
Orario Pubblico
LUNEDÌ 16.00 - 17.00
MARTEDÌ chiuso 
MERCOLEDÌ 10.30 - 12.30 
GIOVEDÌ chiuso chiuso
VENERDÌ 
SABATO  chiuso      

E' possibile concordare appuntamenti in diverso orario da quello di apertura telefonando allo 0434/74001 (int. 1 - 5)
Responsabile
dott.ssa Sara Pigat